Altre Voci (Maurizio Manzo: Ogni 2 novembre)

Neobar

I morti si rallegravano
vedendo fra sé e la luce i loro corpi trapassati
ridevano della loro ombra e la osservavano
come se davvero
fosse la loro vita trascorsa.
La Maison Des Morts
Guillaume Apollinaire

A braccetto con Guillaume
sfioravo le lastre
strofinando i volti
sviscerando calore
speravo che di lì
a poco
li avrei avuti con me
attorniarmi di un nuovo
odore.

Mentre Guillaume
svaniva scivolando
dal mio braccio
qualcuno mi batteva
sulla spalla ticchettando
di vuoto –
non appena girato
riconosco mia madre
dall’eterno sorriso
per il resto spolpata,
morta ormai da dieci anni,
i capelli sembravano
in ordine
come quando era in vita.

Maurizio!, urlò abbracciandomi,
vieni da mamma,
e la strinsi tra sbuffi
di polvere
scricchiolii di ossa
come mai forse
in vita.
Ora arriva papà, aggiunse,
lui c’è da poco
si perde tra questi viali
lo conosci, non gli piacciono
le feste.

Mauri’, che si…

View original post 140 altre parole

2 Replies to “Altre Voci (Maurizio Manzo: Ogni 2 novembre)”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...