Sea Watch.

Stipati sotto lo stesso cielo, non a tutti è dato tornare alla terra;  tanti, troppi, a essere risucchiati dalla placenta del mondo, così fredda, così buia, che un pesce fuor d’acqua, forse,  muore per troppo calore, troppa luce.

Dio – così grande a capoverso –  concedi, senza disparità, una lingua di terra, scura quanto vuoi, ma calda come una coperta rimboccata nella notte, fino alla fronte sola e smarrita.

Qui stiamo, tutti, aspettando che una nave possa toccare porto per una morte migliore.

Abbiamo disimparato l`idiona piccolo che fa grande il gesto .

Anna .

 

 

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...